valascia

Nuova Valascia – apertura del cantiere il 22 dicembre

21Nov

La Valascia Immobiliare SA comunica con piacere di aver finalmente raggiunto – a suo giudizio e sulla base del business plan di BDO attestante la sostenibilità dell’investimento, trasmesso al Dipartimento competente – la credibile dimostrazione del finanziamento complessivo per la costruzione del Nuovo Stadio Multifunzionale di Ambrì.

La società è in contatto con le autorità cantonali e comunali per quanto riguarda il tema dei sussidi e del finanziamento, e ritiene di poter aprire il cantiere per il Nuovo Stadio una volta espletate le formalità di trapasso di proprietà del terreno relativo.

Ciò avverrà, salvo ostacoli imprevisti, il sabato 22 dicembre 2018 nel pomeriggio, con una piccola cerimonia simbolica aperta al pubblico. I dettagli verranno comunicati nelle prossime settimane.V

Un “garante” per la Valascia

09Ott

I soldi per la costruzione della nuova pista della Valascia, nella zona dell’ex aeroporto sulla piana di Ambrì sono in cassa. Per poter avviare il cantiere serve però il via libera del Consiglio di Stato, chiamato, come nota il CdT, a fornire un’attestazione che il finanziamento per l’opera è assicurato. Solo dopo che il Governo avrà garantito che i 53 milioni ci sono, le operazioni potranno iniziare, verosimilmente nelle prossime settimane.

L’inizio dei lavori veri a propri per la nuova struttura è molto atteso, nota ancora il foglio luganese, anche dai promotori kazaki dell’Accademia sportiva per giovani talenti prevista all’ex Sanatorio di Piotta. Che attendono proprio che si inizi con la costruzione della nuova Valascia prima di mettere mano all’ex struttura medica.

L’incontro tra i vertici della Valascia Immobiliare, dell’HCAP con il Consiglio di Stato dovrebbe avvenire nei prossimi giorni in modo che i finanziatori siano sicuri che un ente “super partes” certifichi l’esistenza del 100% del finanziamento.

Swing – 9.10.2018 – www.rsi.ch

Rifugio sotto la Nuova Valascia, firmato l’accordo

08Feb

La convenzione prevede l’integrazione della struttura da 717 posti nella futura pista di ghiaccio

QUINTO – Il Dipartimento delle istituzioni – a nome del Consiglio di Stato – e i comuni di Quinto e Prato Leventina hanno sottoscritto una convenzione con la società Valascia immobiliare SA per la realizzazione del rifugio pubblico collettivo sotto la futura pista di ghiaccio.

La progettazione definitiva della struttura da 717 posti protetti, a disposizione della popolazione dei comuni di Quinto (317 posti) e Prato Leventina (400), è stata autorizzata dalle autorità cantonali nel marzo del 2016. L’accordo ora sottoscritto prevede che la società immobiliare integri nel progetto definitivo della pista anche il rifugio, il cui finanziamento sarà garantito dai contributi del fondo vincolato imposto al Cantone dalla legislazione federale.

In tempo di pace, il rifugio pubblico potrà essere utilizzato dalla Valascia immobiliare SA – che dovrà inoltre assicurare a proprie spese la manutenzione – come struttura di appoggio alle esigenze logistiche della pista.